Coaching

Che cos’è il coaching? E perché rivolgersi ad un coach?

L’International Coach Federation, la più grande organizzazione mondiale che raggruppa Coach Professionisti, definisce il coaching come “una partnership con i clienti che, attraverso un processo creativo, stimola la riflessione, ispirandoli a massimizzare il proprio potenziale personale e professionale.” E specifica che “grazie all’attività svolta dal coach, i clienti sono in grado di apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione che permetteranno loro di migliorare sia le performance che la qualità della propria vita.” Infatti “il coaching facilita la sperimentazione di nuove prospettive e opportunità personali, l’accrescimento nelle capacità di pensiero e nella presa di decisioni. Inoltre è volto al miglioramento nell’efficienza interpersonale ed a una maggiore fiducia nell’esprimere i ruoli scelti nella vita e al lavoro.”

Paesaggio visto da una finestra rotonda

Cosa fa il coach?

La principale responsabilità del coach è accompagnare il cliente nella sua personale scoperta dei propri obiettivi, facendo in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal cliente stesso, in piena autonomia e in piena responsabilità; facilitando esplorazione, creatività, chiarezza e allineamento con gli obiettivi che si è dato.

Ogni percorso di coaching che instauro inizia con un colloquio personale, per, come indica sempre ICF, “valutare le attuali opportunità e sfide del cliente, per definire le finalità della relazione, per identificare le priorità di azione e per stabilire quali sono i risultati specifici che si vogliono raggiungere”.

Il cliente nel coaching può essere una persona o un team che vuole raggiungere un livello più elevato di performance, di apprendimento o di soddisfazione.

Quando è utile?

Il coaching è sempre utile! Il coaching professionale diventa particolarmente funzionale quando:

  • si è di fronte a una scelta, ma manca la chiarezza
  • si vuole trasformare un desiderio in un obiettivo
  • si vuole prendere una diversa direzione nel lavoro o nella vita
  • si ha un obiettivo importante o una grossa opportunità
  • si è di fronte a una sfida appassionante o si deve prendere una decisione urgente
  • si vogliono ottenere risultati più rapidamente
  • lavoro e vita privata non sono in equilibrio
  • si vogliono identificare le proprie potenzialità e si vuole capire come utilizzarle al meglio
  • si vogliono trovare modi per essere meglio organizzati e per sapersi gestire meglio
  • si vuol gestire meglio il proprio team, sia questo in ambito lavorativo o il proprio “team famIglia”

Il coach quindi è un motivatore?

Una maggior consapevolezza e una maggiore chiarezza rispetto al proprio obiettivo aiutano sicuramente a mantenere il focus e a evitare di farsi distrarre, ma l’obiettivo del coach non può essere quello di  generare entusiasmo e radicare convinzioni. Il coach è uno specchio, senza deformazioni e senza filtri, che aiuta a riflettere, evidenziando gli elementi positivi su cui fare leva per essere quel che si è, al meglio delle proprie potenzialità.

Ma quel che faccio con un coach è in sostanza quel che potrei fare con uno psicologo?

Decisamente no.

Il coaching è sostanzialmente diverso da consulenza, psicoterapia ed altre professioni di supporto, come il counseling, ad esempio. A differenza di uno psicoterapeuta o di uno psicologo “il Coach, come professionista, non svolge attività di prevenzione o cura rispetto a malattie o disagi, non ha un approccio interpretativo e non fa diagnosi di personalità, non fa valutazioni della persona di alcun genere… Inoltre non offre sostegno psicologico, bensì si concentra sulla crescita e sviluppo della persona accompagnandola nella definizione di obiettivi raggiungibili, sviluppo di consapevolezza, creazione di possibilità ed infine di scelta di un piano di azione che vada nella direzione dell’obiettivo”
E, a differenza con la professione di counselor: “La relazione di coaching rispetto a quella di counseling non è una relazione di aiuto bensì una relazione di partnership paritaria tra un Coach e un Cliente. Il Coach, come professionista, non offre soluzioni a disagi esistenziali, non esplora il passato, bensì supporta il Cliente a riconoscere i suoi modelli di pensiero e ad attivare tutte le risorse interne per raggiungere l’obiettivo da lui/lei auto definito.”

macchina fotografica e valigia_foto emanuela picone

Il mio percorso

Ho conseguito il diploma di Professional Coaching della scuola InCoaching e sono membro di International Coach Federation, di cui applico le linee guida definite dalle “11 competenze chiave del coaching” e di cui condivido il Codice Etico .

Come coach sto portando avanti con successo percorsi che variano dal personal coaching al career coaching, al business coaching con particolare attenzione al coaching per small business.

Sono stata co-fondatrice di The Coaching Hub, esperienza per me conclusa nell’ottobre 2018.

Ho anche sviluppato un programma che unisce una prima fase di coaching e un successivo percorso focalizzato sul personal branding e la promozione della propria attività professionale.

Logo International Coach Federation

               Membership ID: 009200462l